Il nostro Istituto, come un grande albero, affonda le sue radici nel passato.

Sorge nel 1748 a Grignasco e nel 1888 a Prato Sesia, dove le prime Suore si dedicano all’educazione e all’istruzione delle fanciulle povere.

Con l’unione delle due Comunità religiose si concretizza il desiderio di una Scuola e di un Collegio anche a Romagnano Sesia e a Novara.

«I Bambini sono stati scelti da Gesù come modello per coloro che desiderano entrare nel Regno. Egli ha voluto essere per loro l’amico. Come primi destinatari e protagonisti del nostro servizio di educazione umana e religiosa nelle scuole materne ed elementari, dobbiamo aiutarli a scoprire in se stessi i doni di grazia, di intelligenza, di capacità a progettare il loro futuro, per avvalorarli e farli crescere».

(Dalle Costituzioni n. 95)

La Scuola Elementare Paritaria “Sacro Cuore”, mantiene sin dalla sua istituzione la presenza di un insegnate prevalente affiancato da alcuni insegnanti e “consulenti su progetto” per le materie specialistiche.

Il collegio dei docenti, in sintonia con il Progetto Educativo d’Istituto, programma e attua collegialmente le attività educativo-didattiche, scolastiche e parascolastiche, finalizzandole allo sviluppo della personalità e dell’educazione dell’alunno. A tale scopo gli insegnanti, oltre a trasmettere saperi, tendono a formare le competenze e le abilità di base, attraverso l’uso di metodologie attive e di strumenti adeguati alla varie fasi della crescita, tesi allo sviluppo delle potenzialità e della creatività di ciascun allievo nel rispetto dei ritmi e degli stili d’apprendimento individuali.

La relazione educativa che si instaura tra gli insegnanti e i bambini e tra i bambini stessi, mira alla costruzione di rapporti di stima, affetto e comprensione e di un atteggiamento rispettoso delle regole per la convivenza, nella certezza che un clima affettivamente ed emotivamente sereno favorisca l’ apprendimento.

La formazione della dimensione religiosa e cristiana è coronamento e principio unificante di ogni proposta formativa.

In riferimento al D.P.R. 275 del 1999, riguardante l’autonomia dell’Istituzione scolastica, l’Istituto “Sacro Cuore” di Novara si pone come proposta educativa e formativa cattolica, perseguendo gli obiettivi educativi e formativi propri dell’opera di San Vincenzo e nel contesto del sistema formativo integrato nazionale.

Già privata e autorizzata, si inserisce nella tradizione della città di Novara come scuola del popolo, aggiornandosi in continuazione per rispondere alle esigenze dell’attuale società.

La Congregazione Religiosa “Sorelle della Carità sotto il patrocinio di S. Vincenzo de’ Paoli”, come un grande albero, affonda le sue radici nel passato ed oggi, come allora, sospinta dall’urgenza dei tempi ed animata dal carisma vincenziano che si pone a servizio dell’uomo e della sua promozione, esprime la propria tradizione educativa.

L’Istituto Sacro Cuore, oggi parificato e paritario, propone un’offerta formativa che va dai sei agli undici anni con attenzione alla crescita umana, cristiana, intellettuale, affettiva dello scolaro e rimane aperto e flessibile alle necessità della riforma scolastica.

LA VOCAZIONE ALLA MONDIALITÀ, NEL CUORE DELL’IDENTITÀ CATTOLICA

Cattolico – dal greco καθολικός [katholikós] – “generale”, “universale”

Essere “nel mondo” e “per il mondo” è la vocazione di una Chiesa che offre la sua testimonianza di dialogo e Verità oltre ogni confine.

L’educazione interculturale è, quindi, lo strumento per interpretare nell’ambito delle attività di formazione un valore fondante del nostro essere cristiani.

Non una semplice “materia scolastica”, ma un “filo rosso” che attraversa in modo interdisciplinare l’intero percorso educativo e culturale.

Una prospettiva di costante educazione alla diversità fondata sulla conoscenza e sull’apertura come strada maestra verso l’uguaglianza e la coesione sociale.

Per noi educazione interculturale è:

  • conoscere per comprendere, condividere, prendersi cura
  • conoscere per avere gli strumenti indispensabili ad andare nel mondo e cogliere le migliori opportunità

Gli obiettivi del nostro percorso interculturale

  • Mettere al centro del processo educativo la persona nella sua interezza, a prescindere dalla sua religione, cultura, lingua, status sociale.
  • Sviluppare e potenziare abilità linguistiche trasversali per imparare a leggere e interpretare fenomeni e culture tra loro differenti e saper comunicare con chiarezza e competenza.
  • Superare l’autoreferenzialità che spesso caratterizza la nostra mentalità
  • Creare una rete di connessioni con altre realtà educative per un reciproco scambio e arricchimento.
  • Abbattere le barriere spazio-temporali per accogliere, conoscere, rielaborare le sollecitazioni del mondo esterno
  • Partire dalla valorizzazione della cultura di appartenenza per imparare a rispettare ciò che è diverso, attraverso il riconoscimento della sua identità culturale nella quotidiana ricerca di dialogo, di comprensione, di collaborazione, in una prospettiva di reciproco arricchimento.

L’educazione interculturale favorisce lo sviluppo delle Competenze di Cittadinanza e delle Competenze chiave Europee, punto di riferimento per la realizzazione personale, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione